Agevolazione acquisto box

Secondo la normativa possono usufruire della detrazione d’imposta anche gli acquirenti di box o posti auto pertinenziali già realizzati. Resta inteso che si può usufruire dell’agevolazione anche per gli interventi relativi alla nuova realizzazione di box e posti auto .
La detrazione per l’acquisto del box viene inquadrata limitatamente alle spese sostenute per la sua realizzazione; ovviamente tali spese devono essere dimostrate.
In ogni caso, l’aspetto essenziale e principale per usufruire dell’agevolazione è, comunque, l’esistenza del vincolo pertinenziale tra l’abitazione e il box.

L’Agenzia delle Entrate ha precisato che, riguardo ai pagamenti effettuati con bonifico bancario o postale, la detrazione d’imposta spetta solo se è stato regolarmente registrato un preliminare di compravendita in cui risulti l’esistenza del vincolo pertinenziale tra l’unità immobiliare e il box.
Se manca un preliminare registrato, eventuali pagamenti effettuati con bonifico prima del rogito notarile non sono ammessi in detrazione. In questo caso, infatti, al momento del pagamento non è ancora riscontrabile l’effettiva esistenza del vincolo pertinenziale richiesto dalla norma.

A seguito di ulteriori considerazioni, fatte con la circolare n. 43/E del 18 novembre 2016, l’Agenzia delle Entrate ha ritenuto di poter riconoscere l’agevolazione anche quando il pagamento avvenga prima della stipula del rogito notarile o quando manca il preliminare registrato; a condizione che il vincolo sia riportato nel contratto prima della data di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Più precisamente è possibile usufruire dell’agevolazione se alla data della dichiarazione dei redditi è stato registrato il preliminare o il rogito.

Spese sostenute senza bonifico

Sempre con la circolare n. 43/E del 18 novembre 2016, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta per fornire istruzioni in merito alla detrazione dell’acquisto del box auto nei casi in cui il pagamento non sia avvenuto mediante bonifico.
Con questo documento ha precisato che il contribuente può ugualmente fruire della detrazione, anche in assenza di pagamento mediante bonifico, a condizione che:

- nell’atto notarile siano riportate le somme ricevute dall’impresa che ha ceduto il box pertinenziale.
 – ottenga dal venditore, oltre alla certificazione sul costo di realizzo del box, una dichiarazione sostitutiva di atto notorio con cui attesta che i corrispettivi accreditati a suo favore sono stati inclusi nella contabilità dell’impresa.